Nel ventre Teatro  -  2019

Credits

Uno spettacolo di e con Stefano Penzeri

dall’omonimo romanzo di Sergio Claudio Perroni
adattamento per la scena Stefano Penzeri
con Stefano Panzeri
regia Andrea Paolucci e Stefano Panzeri
 
produzione Teatro dell'Argine
 
foto di Maurizio Anderlini
 
Debutto sabato 2 febbraio 2019
presso Biblioteca Civica, Vimercate (MB)

Lo spettacolo

Che cosa accade dentro al cavallo prima dell’ultima battaglia di Troia? Chi sono veramente quelle sagome nascoste in silenzio? Eroi?

Nel ventre narra la storia di un’attesa: Ulisse, Epeo (artefice del cavallo), Neottolemo (figlio di Achille) e un pugno di soldati sono nascosti dentro il cavallo, fuori dalle mura di Troia. È l’ultimo capitolo di una lunghissima guerra, i compagni di armi hanno abbandonato la spiaggia i Troiani li hanno visti partire. Ora, restano pochi uomini, soli, abbandonati a un’idea ardita. E se i compagni se ne fossero davvero tornati in patria, lasciando loro come sacrificio agli dei per un buon ritorno? Se i Troiani non accettassero quel dono che racchiude chi ha finto di donarlo? Il cavallo è cieco, non ha aperture se non quella che guarda verso il mare, impossibile sapere cosa accada fuori. Tre candele marcatempo scandiscono l’attesa, il resto è silenzio; nel silenzio il sonno, nel sonno il sogno e nel sogno una voce di donna che parla le parole di Laocoonte e quelle di Atena. In quel silenzio, uno dei militi, orme senza passi, osserva e descrive quello che vede: re, guerrieri, eroi o semplicemente uomini?
 
Nel ventre è una narrazione sul dover essere, sul destino, il dubbio, sul dover scegliere e soprattutto sulla paura di farlo.

Il protagonista

Mi formo come attore presso il Teatro Stabile del Veneto Carlo Goldoni di Venezia diretto da Giulio Bosetti nel luglio del 1997. Nel 1998 debutto con il Teatro Carcano e inizio lo studio della maschera e della Commedia dell’Arte con Antonio Fava, Claudia Contin, Marcello Bartoli, Enrico Bonavera e Carlo Boso. Lavoro come attore scritturato per produzioni di teatro ragazzi e per adulti con Teatro Città Murata di Como, il Teatro del Buratto di Milano, il Teatro Sociale di Como ASLICO, con la residenza teatrale Attivamente e la compagnia Teatro Immagine di Venezia. Nel 2006 ho conseguito un dottorato in Studi Iberici con specializzazione sul teatro barocco Spagnolo presso l’Università di Bologna. Negli anni ho integrato la mia formazione attraverso seminari con Laura Curino, Giorgio Rossi e César Brie e frequentando la scuola di screen acting presso la Met Film School di Londra. Nel 2008 ho creato con due attori catalani e uno portoghese l’ensemble artistica JOGIJO con cui mi dedico a produrre spettacoli trilingue, e la compagnia PANEDENTITEATRO per il teatro ragazzi in Italia. Nel 2014 ho iniziato a dedicarmi principalmente alla narrazione con Terra Matta, lo scritto autobiografico di un bracciante siciliano semi-analfabeta classe 1899  (Archivio Pieve Santo Stefano) sul quale ho costruito una tetralogia di monologhi che copre tutta la vita del protagonista. Terra Matta 2 (1918-1943) ha vinto la selezione I Visionari al Festival Kilowatt e OLTREOCEANO, un progetto di raccolta e restituzione della memoria migrante italiana che sinora ha avuto edizioni in Argentina, Regno Unito, Irlanda del Nord, Australia e che nel 2019 si terrà anche in Sud America. A gennaio 2019 debutta Nel Ventre nuovo lavoro di narrazione co-prodotto con il Teatro dell’Argine di cui sono co-autore e co-regista.
 
Stefano Panzeri

Le foto

Select a thumbnail to view the gallery and download your favourite photo.

Il promo video

Le recensioni

PLATEALMENTE
Francesca Romana Lino
È efficacissimo Panzeri – autore anche della riduzione drammaturgica, oltre che delle suggestive scenografie e regista, insieme ad Andrea Paolucci, e attore in scena -, nel far volare, col suo tono volutamente altisonante – per accordarlo alla scrittura lirica e preziosa – parole scelte e minutamente cesellate nelle bocche di personaggi dagli occhi senza fondo. Bello, il suo costante guardare – a prescindere dal soggetto parlante –  verso un orizzonte che non c’è, né avrebbe potuto esserci, in uno spazio così angusto, da restituire lo sconfinato spettro della paura, della speranza e del sogno.
 
Per la rassegna stampa completa clicca qui.

La scheda tecnica

Durata spettacolo
50 minuti circa senza intervallo
 
Illuminotecnica
  • 6 canali dimmer 2kW
  • Ritorno DMX 5 poli sul palco
  • Luci di sala dimmerabili
  • 6kW di carico minimo necessario
  • 1 consolle luci
  • Tutti i cavi necessari ai collegamenti
Audio
  • P.A. adeguato allo spazio
  • 1 connesione PC mini-jack con ritorno sul palco
  • 1 radiomicrofono ad archetto, se necessario
  • Tutti i cavi necessari ai collegamenti
Allestimento palcoscenico
  • Dimensioni minime del palco (LxP): 4m x 3m
  • Si preferisce luogo oscurabile
  • Lo spettacolo è pensato anche per spazi non teatrali
Personale tecnico richiesto su piazza
  • 1 responsabile tecnico dello spazio
Note
  • Tempo di montaggio: 3 ore
  • Tempo di smontaggio: 1 ora
  • Lo spazio dovrà essere preventivamente riscaldato per le prove della Compagnia
  • È inoltre richiesto 1 camerini per 1 attore, riscaldato e dotato di toilette
 
Variazioni alla presente scheda tecnica dovranno essere preventivamente concordate con la Compagnia.
 
Referente
Stefano Panzeri
328 3530378
stefanopanzeri0@gmail.com

 

Le date

mercoledì 23 settembre 2020 ore 14.30

Festival Colpi di Scena 2020
Teatro Sarti di Faenza (RA)

Via Carlo Cesare Scaletta, 10

phone 0545 64330  

venerdì 11 settembre 2020 ore 21.00

Abbadia Lariana (LC)
Parco Ulisse Guzzi

Piazza della Costituzione Repubblicana, 135

phone 0341 731241  

sabato 8 agosto 2020 ore 21.00

Cologno Al Serio (BG)
Parco della Rocca

phone 035 4183501  

domenica 5 luglio 2020 ore 21.00

Milano
Spazio Teatro No'hma

Via Orcagna, 2

phone 02 26688369  

Teatro dell'Argine Società Cooperativa Sociale | Sede legale via dei Gelsi, 17 | 40068 San Lazzaro di Savena - BOLOGNA | P.I. 02522171202