Orme di rivolta

Orme di rivolta

Domenica 11 ottobre 2020 ore 21.00

Agrimanto
con Silvia Cavalieri, Chelu Deiana, Alessia Di Eugenio, Antonella Lanotte
 

ingresso gratuito | prenotazione consigliata chiamando lo 051.6270150 o scrivendo a biglietteria@itcteatro.it

Quattro donne, quattro voci, quattro terre: Sardegna, Puglia, Abruzzo ed Emilia. Nel 2017 dal loro incontro a Bologna nasce Agrimanto: quartetto vocale unito da un’appassionata ricerca musicale che è insieme testuale, linguistica e storica. La diversa provenienza delle componenti stimola particolarmente lo studio delle differenze e dei punti di incontro all’interno di un orizzonte etnomusicologico e antropologico radicato nei repertori femminili del canto popolare e sociale italiano, con un orecchio teso verso terre vicine, come la Corsica e l’Occitania. Alla base della loro musica c’è la scelta della ‘voce nuda’ come strumento principe per far rivivere armonie e dissonanze antiche ed unirle a tessiture vocali inevitabilmente moderne, conciliando rispetto filologico ed impulso creativo.
 
Orme di rivolta è il filo rosso di questa ricerca, il desiderio di esplorare una immensa e preziosa eredità matrilineare: quella depositata dalle antenate nei canti della terra, nelle formule e negli scongiuri, nei racconti notturni e segreti, nei versi d’amore e di lotta. Un viaggio polifonico che alterna tempi musicali a momenti recitativi per narrare storie di donne lontane tra loro solo per aver vissuto ognuna nel proprio tempo e nel proprio spazio, ma tutte incredibilmente vicine nell’espressione del canto. Un percorso sonoro che attraversa i campi di tabacco del Salento, le risaie delle mondine emiliane, il canto antico delle lavandaie del Vomero, il vivo incedere delle tessitrici ternane, e approda in Sicilia, terra natìa di Rosa Balistrieri. Il racconto di vite intrise di inganni e di violenze e la denuncia di una terra ‘sorda e muta’ davanti all’abbandono dei suoi figli. E ancora: la migrazione vissuta da colei che resta. L’incubo di una violenza che ancora non trova giustizia. La dolcezza e lo sfogo delle ninna nanne. La voce e il lamento della malmaritata. La forza della sorellanza. La rivendicazione femminista di un corpo libero e cosciente.

Teatro dell'Argine Società Cooperativa Sociale | Sede legale via dei Gelsi, 17 | 40068 San Lazzaro di Savena - BOLOGNA | P.I. 02522171202